• +39 328 3438648
  • angelini.padova@gmail.com

Una relazione non conflittuale genitori-figli riduce il tasso di depressione negli adolescenti

Una relazione non conflittuale genitori-figli riduce il tasso di depressione negli adolescenti

Costruire una relazione edificante genitori-figli permette a questi ultimi di rispondere meglio alle sollecitazioni stressanti nel corso dell’adolescenza e protegge dal rischio di depressione in età adulta. Questa in sintesi la conclusione della ricerca, pubblicata recentemente da Jama Pediatrics, a cura di Ping Chen, ricercatore dell’Università del Nord Carolina.

Lo studio, svolto su oltre 18.000 quindicenni volontari, monitorati fino ai 32-43 anni, sembra mostrare che ricevere attenzione, affetto e comprensione da parte dei genitori, sia una chiave decisiva per superare le difficoltà nella vita.

La mancanza di supporto in tal senso, può indurre invece l’adolescente a sviluppare sentimenti di frustrazione e risentimento intaccando sul nascere la propria autostima e indebolendo la risposta positiva agli stress che l’età adulta riserva.

Va detto che lo studio si basa su quanto i soggetti hanno segnalato personalmente e non documenta dunque, dal punto di vista clinico, l’associazione tra una relazione serena con i genitori e un minor livello di casi di depressione.

Non considera inoltre eventi incorsi nella preadolescenza che a loro volta potrebbero innescare stati depressivi nelle fasi di vita successive. Ci si è accertati tuttavia che i giovani del campione considerato non fossero stati oggetto di abusi sessuali nella preadolescenza.

Laddove le ragazze mostravano maggiore esposizione a stati depressivi durante l’adolescenza, e nel passaggio all’età adulta, nei ragazzi ciò accadeva tra i 30 e i 40 anni. Ad ogni modo relazioni positive con i genitori sono state chiaramente associate a una migliore salute mentale in entrambi, dalla prima adolescenza alla mezza età.

I risultati suggeriscono quindi che quanto prima e quanto più la relazione con il genitore si fondi su affetto, comprensione e supporto emotivo, tanto più spiccata sarà la probabilità che l’individuo goda di buona salute mentale in età adulta e mezza età.

Fonti:

Ping Chen, Kathleen Mullan Harris, Association of Positive Family Relationships With Mental Health Trajectories From Adolescence To Midlife. JAMA Pediatr. 2019

Immagine: Commission of family at the beach di Elisabeth Blaylock

Dr. Stefano Angelini

Invia il messaggio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi